12
Pop
La playlist diggiù
Viniamo e il Terrone Fuori Sede presentano: la Playist diggiù. Il tuo frigo è pieno di mozzarella rigorosamente “di giù”? La “salsa” nella dispensa è solo quella della nonna?...

Cerchi l'ispirazione ?

Qui ne trovi così tante che le abbiamo organizzate in playlist tematiche.

Da questa parte

I vini

  • Al sommelier non far sapere quanto è buono il nerello mascalese con le busiate alla trapanese…non era così il proverbio? Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando tranquillizzatevi, uno è un vino e l'altro un piatto di pasta.

  • Che bello quando apri una bottiglia di buon vino e scopri che è eccezionale. Forse dopo aver provato questo vi chiederete perché spendere di più per un Amarone, visto quanto è buono, e meno costoso. Beh, godetevi questo pensiero un po' eretico: la Traversagna se lo merita. 

  • Un vino dolce con un nome dolce, che evoca la festa degli sposi. Fortemente sconsigliato agli spiriti aridi. E molto consigliato a chi ama il moscato e sta ancora cercando il suo preferito: con questo ci andrà a nozze.

  • Scirè era il nome di un famoso sottomarino italiano che, a sua volta, aveva preso il nome da una regione dell'Etiopia che, a sua volta, prende il nome dalla parola etiope Šĭrē. Non sappiamo bene perché il produttore abbia chiamato così il suo vino, ma ora di storia ne avete da raccontare.

  • Vadiaperti

    La sua storia è fra le più antiche. Si ritiene che le uve da cui è ricavato siano imparentate con quelle anticamente usate per produrre il vino Falerno, uno dei più apprezzati dell’epoca romana e più volte celebrato da Plinio il Vecchio. Ti basta come storia da raccontare agli amici?

  • Livio Maccagno

    Il Roero lo conoscono in pochi. Abita dalle parti di Barolo e Barbaresco, ma è come quei vicini di casa che non ti accorgi nemmeno che ci siano, che non fanno rumore e non si fanno notare. Finché un giorno li incontri in ascensore e scopri che hanno molto da dire. E allora non puoi che invitarli a cena da te.

  • Miali

    Sapete perché si dice facciamo un brindisi? Dobbiamo andare indietro nel tempo e raggiungere i crociati che partivano da Brindisi per la grande avventura in Terrasanta. Prima di partire facevano bisboccia bevendo vino pugliese in gran quantità, molto probabilmente Primitivo, ed invocando vittoria e salvezza. Da qui fu detto poi ovunque “fare come a...

  • La Contessa

    Questo vino è il frutto di una sfida: “bassa gradazione, alto gradimento!” assolutamente vinta, dall'impavida Alessia Berlusconi. Biologico, unico nel progetto e nel formato - è una bottiglia da 1 litro - il 9.9 sa stare in compagnia in tutte le occasioni, dall’aperitivo alle tavolate con gli amici…e ovviamente sul divano davanti alla partita;) 99

MAGAZINE

Psicowine: l’uomo è ciò che beve.

Alcuni anni fa il filosofo Feuerbach, asseriva che “l’uomo è ciò che mangia”. Tutto ciò che l’essere umano ingurgita, cibo e liquidi, è di primaria importanza, costituendo il carburante del corpo e della mente. Questa massima è ricca di significati: il cosa si mangia fa... Leggi
Leggi

Il vino per superare la maledizione del lunedì

E’ stato oggetto di studio della London School of Economics, per alcuni non è il giorno della settimana più brutto (ma sicuramente è il secondo), per altri, pienamente d’accordo con il luogo comune per eccellenza, è lui quello tanto odiato.... Leggi
Leggi

Nessuno tocchi il pranzo della domenica

È un rito senza fine, un evento imprescindibile, una tradizione intramontabile. A tutte le latitudini, da nord a sud, tutti si preparano. Quando arriva la domenica bisogna essere pronti. Bisogna indossare vestiti comodi, prepararsi ad allargare i buchi delle cinture... Leggi
Leggi

Il vino in altre parole

  Viniamo crede che il vino possa parlare una lingua più facile, per arrivare a più persone. Siamo stanchi di vederlo sempre accompagnato dalle solite immagini, dai tipici gesti ma soprattutto descritto da tutte quelle parole tanto precise ma anche... Leggi
Leggi